domanda-confusione-vuoto-mentale

Il vuoto mentale

Tempo di lettura: 2 minuti

Il significato di vuoto mentale per gli occidentali

Quando si tratta di meditare, la prima cosa che ci dicono è di svuotare la mente.
Purtroppo però per noi occidentali è più facile da dire che da fare. Siamo abituati a pensare tutto il giorno, abbiamo mille problemi, dobbiamo fare tante cose, viviamo con l’agenda in mano e abbiamo poco tempo a disposizione.

È difficile che una persona riesca a togliere dalla testa tutto quello che c’è dentro!
Infatti per noi occidentali è questo il concetto di vuoto: l’assenza di qualsiasi cosa, il nulla totale.

mudra-meditazioneMa come si fa ad avere tanti pensieri e in un attimo riuscire a toglierli tutti? Sì, perché cercando di togliere tutto quello che sta nella nostra testa ci complichiamo parecchio la vita.

Allora per darci una mano, pensiamo a qualcosa di rilassante, per esempio al mare, alla neve che cade, all’immensità dell’universo.
Ma tutto questo in realtà calma i pensieri e non svuota completamente la testa, per come la pensiamo noi occidentali. Per noi il vuoto mentale è non avere nulla nella mente!

Ancora una volta, i popoli orientali sono molto più semplici e disarmanti sia nella teoria che nella pratica. Noi contorciamo la realtà e diamo a tutte le cose un senso che non hanno.

Il reale significato di Vuoto nella cultura Orientale

Per noi è di difficile concezione quello che sto per dire, ma provate a capire.

Per esempio, prendiamo un contenitore, magari un vaso. Se lo lasciamo così com’è per noi è vuoto. Ma essendo un contenitore possiamo riempirlo con qualcosa, per esempio con la terra e poi piantarci dei fiori.
campana-di-legnoIn questo caso il vaso è un vuoto che può essere riempito, quindi un vuoto che ha un’utilità.
Serve a contenere qualcosa, può essere svuotato e riempito nuovamente, magari con qualcosa di diverso.

Quando siamo in meditazione il cervello sfrutta quel momento per elaborare le informazioni che ha incamerato in precedenza. Perciò è normale che se cerchiamo di non pensare a nulla la nostra mente improvvisamente si affolla di pensieri.
Gli orientali ci dicono esattamente questo. La nostra testa è un contenitore che riempiamo di informazioni. Se vogliamo fare il vuoto dobbiamo lasciare che i pensieri scorrano, così li metabolizziamo e lasciamo spazio per altro.

Questo è il senso di vuoto mentale, di svuotare la mente: significa lasciare il posto a qualcosa di nuovo, che possa entrare e farci crescere.
Semplice, molto semplice.

Perciò quando meditiamo lasciamo che la mente faccia il suo corso, lasciamo che elabori le informazioni, lasciamo che il flusso di pensieri scorra come un ruscello e che faccia pulizia, lasciando spazio per qualcosa di nuovo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Se ti è piaciuto puoi lasciarmi una recensione positiva sulla pagina Facebook, lo apprezzerei molto!